www.matteo pedrali.com


Vai ai contenuti

Menu principale:


Epistassi

LO SAI CHE...bambini/e > CONSIGLIO SE...

Di cosa si tratta
L'epistassi (sangue dal naso) è un fenomeno molto comune durante l'infanzia, tanto che vostro/a figlio/a quasi certamente avrà almeno un episodio (e forse molti) di epistassi durante i primi anni di vita.
Si verifica di solito per la secchezza della mucosa nasale, cui si aggiungono la tendenza del bambino a sfregarsi e toccarsi le narici o anche soffiarsi il naso vigorosamente. Tutti fattori che possono verificarsi in varie situazioni, la maggior parte delle quali non pericolose:
Raffreddori e allergie
Traumi o Corpi estranei nel naso
Aria troppo secca o vapori irritanti
Altre cause, molto meno frequenti, possono essere:
Malformazioni della struttura interna del naso
Polipi nasali e altri fenomeni proliferativi della mucosa nasale
Anomalie della coagulazione, sia congenite (cioè presenti dalla nascita), sia acquisite (ad esempio da farmaci, come l'acido acetilsalicilico)
Ipertensione


Come si manifesta
Il sanguinamento può avvenire all'improvviso, anche nel sonno. Altre volte può essere scatenato da una soffiata di naso particolarmente vigorosa o dal dito nel naso.
Il sanguinamento può variare da forme molto lievi e di breve durata ad altre molto abbondanti e prolungate, talora richiedenti il tamponamento da parte del medico
Al sanguinamento visibile per la fuoriuscita dalle narici si aggiunge uno scolo di sangue almeno altrettanto abbondante all'indietro; questo sangue, che spesso continua ad uscire anche quando dalle narici l'emorragia sembra essersi arrestata, viene deglutito, e talora vomitato, provocando spesso ulteriore spavento
Una volta verificatasi, spesso l'epistassi tende a ripresentarsi più volte in poco tempo, sia perchè il bambino torna a "stuzzicare" il coagulo appena formatosi, sia perchè il naso viene soffiato poco dopo il primo sanguinamento
Molte volte l'epistassi si ripete sempre dallo stesso lato. Il fatto che si verifichi da ambedue i lati deve sempre indurre a maggiore attenzione, in quanto potrebbe essere spia di una situazione generale (ipertensione, anomalie della coagulazione)



Chiamate il medico immediatamente se:
La pelle presenta macchie emorragiche non causate da traumi
Il bambino perde inspiegabilmente sangue anche dalla bocca o dalle gengive
Il bambino è svenuto o ha le vertigini alzandosi in piedi
La perdita di sangue è stata molto abbondante
Il bambino sembra stare molto male


Chiamate il medico nelle ore d'ufficio se:
Il bambino ha perso una quantità di sangue considerevole
Il bambino ha meno di un anno
Capita spesso che il sanguinamento fatichi ad arrestarsi
Nella vostra famiglia vi sono o vi sono stati casi di facile sanguinamento
Avete qualsiasi dubbio o preoccupazione da chiarire


Cosa fare a casa
Fate stare il bambino seduto e inclinato in avanti, in modo da non deglutire il sangue. Prendete una bacinella, in cui egli possa sputare il sangue che sente in gola.
Stringete bene, a pinza, tra pollice e indice, le narici del bambino (la parte molle del naso), per almeno 10 minuti. Non mollate la presa fino a che non sono passati i 10 minuti!. Durante questo tempo, dite al bambino di respirare con la bocca, e rassicuratelo.
Se il sanguinamento non si è fermato dopo 10 minuti, riprovate per altri 10 minuti.
Chiamate il medico successivamente se:
anche dopo il secondo tentativo l'epistassi continua
le epistassi si ripetono tutti i giorni nei giorni successivi nonostante l'applicazione nel naso di vasellina
avete qualsiasi dubbio o preoccupazione da chiarire


Cosa non fare
Non applicate panni freddi sulla fronte, sulla nuca o sotto il labbro superiore; non servono.
Non premete sulla parte ossea, dura, del naso
Non riempite le narici con alcunchè: nel rimuoverlo, di solito il sanguinamento si ripresenta
Il sangue deglutito è irritante per lo stomaco. Non agitatevi se succede che il bambino lo vomiti.
Non somministrate farmaci a base di acido acetilsalicilico: allungano il tempo di sanguinamento, anche per una settimana dopo la loro assunzione.


Prevenzione
Applicate due volte al giorno un po' di vasellina sulla parete centrale del naso (il setto nasale): serve a ridurre la secchezza e l'irritazione
Se l'ambiente è troppo secco, e vostro figlio non è allergico agli acari, utilizzate un umidificatore per aumentare il grado di umidità ambientale
Se il bambino porta spesso le dita al naso, cercate di aiutarlo ad perdere questa abitudine, o almeno a rendersene conto. Fate in modo di mantenergli le unghie corte, tagliandole settimanalmente.
Evitate la somministrazione di farmaci a base di acido acetilsalicilico: allungano il tempo di sanguinamento, anche per una settimana dopo la loro assunzione.
Se il bambino ha una rinite allergica, trattarla, ad esempio con un farmaco antiistaminico, potrebbe aiutare a risolvere il problema del sanguinamento


Torna ai contenuti | Torna al menu