www.matteo pedrali.com


Vai ai contenuti

Menu principale:


I primi ...passi !

LO SAI CHE...bambini/e > PUERICULTURA E NON SOLO ...



INFORMAZIONI PER I PRIMI PASSI DEL VOSTRO BAMBINO.


IL PIEDE.

Il piede è composto di 26 ossicini, 33 articolazioni,19 muscoli, un centinaio di tendini e di legamenti. Ha la funzione di sostenere il peso del corpo e di dare equilibrio al movimento e a tutta la struttura scheletrica e muscolare del corpo.

LA SCARPA.

La scarpa non è indispensabile, è piuttosto una convenzione, una sicurezza.
La prima scarpina deve dare stabilità ai passi del bambino, adattandosi ai suoi piedi senza costringerli, ma facilitando il movimento della caviglia e dei pollici.

A CHE ETA'.

Tra i 10 e i 15 mesi i piccoli sperimentano, con il sostegno dei genitori, i primi passi ( è consigliabile sostenerli all'inizio mettendosi davanti a loro e alla loro altezza).
Prima di allora, al di là del fatto che in commercio esistono calzature per ogni età, sarebbe bene che i piedini rimanessero liberi quanto più possibile e che le scarpe avessero solo una funzione protettiva contro il freddo: infatti proprio attraverso i piedini il lattante comincia a esplorare il mondo ricevendone informazioni, per così dire, tattili.
I piedini andrebbero perciò lasciati liberi di toccare, sentire, muoversi senza essere costretti in scomode calzature che ne renderebbero più difficoltosi i movimenti.
Anche dopo che il bambino ha iniziato a camminare, è consigliabile lasciarlo libero di girare a piedi scalzi ogni volta che il terreno lo consente ( erba, sabbia) per aiutarlo a trovare il suo equilibrio naturale sollecitando la pianta del piede: sarà proprio l'esercizio del camminare a formare lentamente la volta plantare, migliorando il piattismo fisiologico del piede del bambino.
Infatti l'arco del piede si forma grazie al peso del corpo e al lavoro che la muscolatura della pianta del piede deve compiere per rispondere a tutte le sollecitazioni: più i piedi lavorano, più si formano gli archi plantari, meno i piedi vengono fatti lavorare, più restano piatti.

QUALE SCARPA.

Per prima cosa, il momento più opportuno della giornata per acquistare le scarpe è il pomeriggio, quando il piede è più gonfio.
Le scarpine ideali sono alte alla caviglia per dare il giusto sostegno senza costringere e per evitare che si sfilino facilmente, come potrebbe succedere con calzature basse.
Le suole devono essere larghe, arrotondate e flessibili in punta ( basta controllare che la scarpa, stretta tra il pollice e l'indice della nostra mano, si fletta) e sostenute sul tallone per assicurare una presa ottimale del calcagno sul terreno.
Per quanto riguarda i materiali, sono preferibili quelli naturali e morbidi, come pelle, cuoio e tessuto.
Le chiusure a strappo vanno bene, anche se è consigliabile optare per lacci o fibbie che non permettono facilmente al bambino di sfilarsi le scarpe da solo.
La misura deve essere più lunga del piede di circa 6-10 mm, per lasciare libere le dita nei movimenti. Bisogna infatti tenere presente che a 1 anno il piede misura circa 12 cm in media ed è in fase di rapida crescita, e che in generale è necessario cambiare numero ogni 3 mesi ( comunque è buona norma controllare frequentemente che le dita del piede non vadano a toccare in punta).
La scarpa non deve essere necessariamente alta ( l'altezza non deve oltrepassare i malleoli): una caviglia normale deve avere completa libertà di movimento.
La suola deve essere traspirante, meglio se di cuoio molto flessibile con tasselli antiscivolo.
Infine, non si devono acquistare scarpe troppo grandi pensando di farle durare più a lungo.


SCARPE SOLO SUE.

E' sconsigliabile passare a un bambino le scarpe del fratello maggiore: non esistono piedi identici e la deformazione della scarpa, anche se usata per poco tempo, è assolutamente personale.

STAGIONI.

In inverno occorrono due tipi di scarpe: un paio per uscire, adatte a freddo e pioggia, con suola isolante in carrarmato, e un paio per gli ambienti chiusi, con suole flessibili e molto leggere, ad esempio in poliuretano.
Nella mezza stagione, autunno e primavera, non è consigliabile passare direttamente dallo scarponcino pesante alla scarpa aperta o viceversa; è consigliabile una scarpina di media pesantezza, magari in pelle leggera.
In estate meglio i sandalini chiusi sia in punta che sul tallone, a protezione e a sostegno del piedino, soprattutto sotto i 2 anni. Da evitare a tutte le età i modelli a zoccoletto, senza cinturino sul tallone, che affaticano il piede e ostacolano il movimento.







Torna ai contenuti | Torna al menu