www.matteo pedrali.com


Vai ai contenuti

Menu principale:


Piccolo Viaggiatore

LO SAI CHE...bambini/e > CONSIGLIO SE...

CONSIGLI PER IL BAMBINO CHE VIAGGIA.

L'occasione di un viaggio è probabilmente fonte di gioia e divertimento, ma può anche diventare fonte di preoccupazione quando si viaggia con bambini, tanto più quanto più piccoli sono.
Ecco perché è utile affrontare un viaggio con la scorta di alcuni utili consigli.
Prima di partire bisogna considerare una serie di fattori, riguardanti la destinazione del viaggio, il mezzo di trasporto, la durata del viaggio, l'età e lo stato di salute del bambino.
Inoltre è consigliabile verificare le cose già fatte ( lo stato vaccinale), approntare cose nuove ( farmaci da portare con sé), preparasi a diversificarne altre ( per es. l'alimentazione in base alla destinazione del viaggio).

La farmacia da viaggio dovrebbe essere composta da tutti quei farmaci che possono renderci sicuri durante il periodo del viaggio- vacanza e che potrebbero evitare il disagio di cercare di reperirli al momento del bisogno.
Se si viaggia durante i mesi caldi o verso paesi caldi, è consigliabile evitare farmaci sotto forma di supposte ( altrimenti bisogna munirsi di un contenitore frigorifero).
In generale l'elenco dei farmaci da portare in viaggio dovrebbe comprendere:

- antipiretico- antidolorifico
- antidiarroico
- farmaci per il mal di viaggio
- creme per punture d'insetti
- creme per protezione solare
- disinfettante cutaneo
- antibiotico a largo spettro ( già usato dal bambino)
- antistaminico

Normalmente il bambino al di sotto dei 2 anni di vita non soffre di mal d'auto ( o di cinetosi in generale), anzi quando viaggia si addormenta. Ci sono però alcuni bambini predisposti ad avere nausea quando viaggiano in auto, e per questi, prima dei farmaci, è utile prendere alcuni provvedimenti:
- il bambino deve essere sereno e calmo; non bisogna ricordargli che potrebbe avere nausea, né chiedergli se ha nausea, altrimenti si preoccuperà e avrà paura
- è preferibile partire a stomaco pieno, evitando però una colazione troppo pesante; occorre inoltre evitare di mangiare in fretta, perché può dare più facilmente disturbo; bisogna offrire cibi leggeri ( crackers, fette biscottate, grissini, pane tostato) ed evitare l'assunzione di troppi liquidi cercando piuttosto di ridurli
- il bambino deve stare seduto in auto, ma l'ideale sarebbe di riuscire a farlo dormire
- in auto non bisogna fumare

Se questi accorgimenti non fanno effetto, ci sono alcuni farmaci, anche sotto forma di gomme da masticare, che si possono dare sia come prevenzione al momento di partire, sia all'insorgenza dei primi sintomi.

Per quanto riguarda la permanenza al mare, occorre evitare le ore più calde e comunque la permanenza prolungata sotto il sole, riportando spesso il bambino sotto l'ombrellone e dandogli spesso da bere.
Per la pelle, usare filtri solari e creme ad alta protezione e resistenti all'acqua , dato che la cute del bambino è molto delicata.
Ricordate comunque che l'aria di mare durante la stagione calda è comunque benefica, ma stanca e spesso rende irritabile e ipereccitabile il bambino.
Per quanto riguarda la montagna, è consigliabile un'altezza attorno ai 900- 1000 metri, comunque non superiore ai 1200 metri.

Il problema delle punture d'insetto può essere prevenuto nei più piccoli mediante zanzariere stese sopra i lettini ( basta una tela di tulle ). Una volta avvenuta la puntura, si può attenuare il sintomo applicando un sottile strato di crema cortisonica.

Durante il viaggio l'alimentazione varia a secondo dell'età:
- il bambino piccolo con allattamento materno può continuare senza problemi
- per il bambino piccolo che assume latte artificiale, è consigliabile portare biberon già pronti e conservati in un contenitore frigorifero da scaldare al momento
- per il bambino più grandicello che ha fame durante il viaggio, occorre portare crackers, biscotti secchi, grissini, fette biscottate

Per quanto riguarda le vaccinazioni, bisogna ricordare che per viaggi in paesi dell'Africa e dell'Asia sono richieste vaccinazioni particolari ( es. per la febbre gialla), che non sempre sono consigliabili in bambini ( soprattutto se piccoli) per la possibilità di effetti collaterali. Per queste vaccinazioni bisogna informarsi presso l'ASL di Bergamo ( esiste un ufficio apposito per informazioni sanitarie per chi viaggia in paesi a rischio)




Torna ai contenuti | Torna al menu